Regione Veneto

NOVITA' "DECRETO RILANCIO" in materia di Esenzione prima rata IMU per il settore turistico - Esenzione COSAP per plateatici per le imprese di pubblico esercizio dal 1 maggio al 31 ottobre 2020

Pubblicata il 22/05/2020
Dal 22/05/2020 al 31/10/2020

Novità “Decreto Rilancio”
Esenzioni prima rata IMU per il settore turistico
Esenzione COSAP per plateatici per le imprese di pubblico esercizio dal 1 maggio al 31 ottobre 2020
Decreto - Legge 19 maggio 2020 n. 34 Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonche' di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.128 del 19-05-2020 - Suppl. Ordinario n. 21)
Esenzioni dall’imposta municipale propria-IMU per il settore turistico (Art. 177)
Si prevede l’abolizione del versamento della prima rata dell'IMU, quota-Stato e quota-Comune in scadenza alla data del 16 giugno 2020 per:
  • Gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e per gli immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, dei rifugi di montagna, delle colonie marine montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitata. La norma prevede altresì la stessa agevolazione per gli stabilimenti balneari vale a dire quelli marittimi, lacuali e fluviali nonché per gli stabilimenti termali.
 Sostegno delle imprese di pubblico esercizio-esenzione pagamento  COSAP (Art.181)
Si esonerano dal pagamento della TOSAP e del COSAP le imprese di pubblico esercizio titolari di concessioni o di autorizzazioni di suolo pubblico dal 1 maggio fino al 31 ottobre 2020. In questo periodo le domande di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico ovvero di ampliamento delle superfici già concesse sono presentate mediante istanza per via telematica all’ufficio competente dell’Ente locale, con allegata la sola planimetria, in deroga alla normativa in materia di imposto di bollo. Per assicurare il rispetto delle misure di distanziamento connesse all’emergenza da COVID-19, e comunque non oltre il 31 ottobre 2020, la posa in opera temporanea su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico, da parte dei titolari di concessioni, di strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, purché funzionali all’attività di ristorazione, non è subordinata alle autorizzazioni di cui agli articoli 21 e 146 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.
SI invita a prendere contatti con l’Ufficio Tributi per qualsiasi chiarimento in merito 045/6334150
 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato docdecretorilanciotrib05153120200521155359.pdf 519.59 KB
Allegato domandasemplifPLATEATICICOSAP.pdf 157.26 KB

Categorie TRIBUTI
torna all'inizio del contenuto